Un certificato stella per Marie Curie

Un certificato stella per Marie Curie

Le scoperte di Marie hanno portato la medicina in una nuova era

Marie Curie è stata la prima donna ad essere insignita di un premio Nobel. Una vera pioniera della fisica e della chimica che ha infranto tutte le barriere di genere e i pregiudizi del suo tempo. Le sue scoperte hanno portato la medicina nell'era moderna.

Perché Marie Curie si merita la sua stessa stella?

Nominiamo una stella per Marie Curie perché scoprì radio e polonio puri ed era una fisica devota che sviluppò la teoria della radioattività. Ha dedicato la sua vita alla ricerca e all'insegnamento e le sue scoperte sono state coinvolte nei trattamenti contro il cancro.

A Star Certificate for Marie Curie


Numero di registrazione 7858-63299-8028970

La vita di Marie Curie

Marie Salomea Sklodowoska Curie nacque il 7 novembre 1867 in Polonia. Era la quinta figlia della coppia Bronislawa e Wladyslaw Sklodowsky, entrambi insegnanti che persero fortuna e beni durante le rivolte polacche.

Sua madre morì quando Marie aveva dieci anni. Fu mandata in collegio e si diplomò nel 1883. Essendo donne, lei e sua sorella Bronislava non poterono continuare gli studi, ma riuscirono a entrare nella clandestina Floating University, che accettava le donne per l'istruzione superiore.

Quando seguì la sorella a Parigi per studiare all'Università di Parigi nel 1881, fu naturalizzata in Francia. Con pochi soldi, è riuscita a sopravvivere all'inverno parigino solo indossando tutti i suoi vestiti in una volta per tenersi al caldo.

Nel luglio 1895 sposò il fisico francese Pierre Curie. Entrambi erano appassionati di scienza e di conseguenza iniziarono a lavorare insieme in un laboratorio.

Nei quattro anni successivi i Curie completarono 32 pubblicazioni accademiche. In uno di essi, hanno affermato che le cellule tumorali esposte alle radiazioni potrebbero essere distrutte più velocemente delle cellule sane. Inoltre, questo sembrava essere l'inizio della lotta contro il cancro.

I Curie non brevettarono mai le loro scoperte e di conseguenza, sebbene il radio fosse utilizzato in nuove industrie, non ricevettero mai alcun compenso monetario per questo. Hanno lavorato e condiviso la nomination al Premio Nobel per la fisica del 1903 con Henri Becquerel. Nel 1905 si recarono a Stoccolma per ricevere il premio.

Dopo che suo marito Pierre morì in un tragico incidente stradale il 19 aprile 1906, Marie continuò comunque le sue ricerche da sola. Ha ricevuto una nomination per il Premio Nobel per la Chimica nel 1911 ed è diventata la prima persona e donna a ricevere due premi Nobel.

Marie è stata coinvolta in una relazione con il giovane fisico Paul Langevin, che ha scatenato uno scandalo sulla stampa cercando di impedirle di ricevere il premio Nobel per la chimica, cosa che il Comitato Nobel stava cercando. Si è difesa con coraggio e ha spiegato che sarebbe stata ancora lì e che la sua vita privata non aveva nulla a che fare con il suo lavoro e il suo impegno.

Un mese dopo, cadde in una profonda depressione e fu portata in ospedale, dove le fu diagnosticato anche un problema ai reni. Dopo essersi ritirata dalla scena pubblica per oltre un anno, è finalmente tornata al suo laboratorio.

Nel 1920 fondò l'Istituto Curie a Parigi e nel 1932 un altro a Varsavia. Entrambe le scuole sono importanti centri di ricerca medica fino ad oggi.

La sua ricerca radioattiva ha aiutato a sviluppare i raggi X utilizzati nella prima guerra mondiale per trovare proiettili e schegge nei corpi dei soldati. Ha incoraggiato la creazione di ospedali da campo radiologici vicino alle linee di battaglia e ha fornito loro macchine a raggi X e unità mobili di radiologia, le cosiddette "Piccole Curie".

Gli ultimi anni di Marie Curie

In un gesto molto importante, Marie ha cercato di donare le sue medaglie d'oro del Premio Nobel per aiutare a coprire le spese di guerra, ma la banca ha rifiutato di accettarle. Ha quindi utilizzato il premio in denaro per acquistare obbligazioni e contribuire alla guerra a suo piacimento.

Marie ha continuato a dedicare la sua vita alla medicina. Ha condotto i primi trattamenti di neoplasie utilizzando isotopi radioattivi. Ha chiamato il primo elemento radioattivo dopo la sua terra natale: polonio.

Morì il 4 luglio 1934 nella città di Passy, ​​in Francia, all'età di 64 anni per anemia aplastica dovuta alla costante esposizione alle radiazioni durante i suoi studi e anche mentre prestava cure mediche ai pazienti negli ospedali da campo.

Oltre ai suoi premi Nobel, ha ricevuto altri riconoscimenti e premi nel corso della sua vita come la Medaglia Davy (1903), la Medaglia Mateucci (1904), la Medaglia Albert (1909), il Premio Cameron per la terapia dell'Università di Edimburgo (1931) e altro ancora.

Una dedica

Chiamare una stella dopo Marie Curie è senza dubbio qualcosa che deve essere fatto per qualcuno che rappresenta la giustizia, il duro lavoro, la dedizione e l'amore per l'umanità.

Puoi individuare la sua stella registrata nel cielo notturno da qualsiasi luogo utilizzando l'app Star Finder al numero di registrazione 7858-63299-8028970. Servirà a ricordare la sua anima devota.

Italiano